Dettaglio organigramma reparti

dettaglio

Allegato 7 - Organigramma

organigramma

Allegato 6 - Modulo per fare segnalazioni


Il sottoscritto (nome) _____________________ (cognome) ________________________________

Indirizzo ________________________________________________________________________

Telefono (fisso e cellulare) __________________________________________________________

Posta elettronica __________________________________________________________________

SEGNALA QUANTO SEGUE (*)

________________________________________________________________________________
________________________________________________________________________________
________________________________________________________________________________
________________________________________________________________________________
________________________________________________________________________________
________________________________________________________________________________
________________________________________________________________________________
________________________________________________________________________________
________________________________________________________________________________
________________________________________________________________________________
________________________________________________________________________________
________________________________________________________________________________
________________________________________________________________________________
________________________________________________________________________________
________________________________________________________________________________
________________________________________________________________________________
________________________________________________________________________________
________________________________________________________________________________
________________________________________________________________________________
________________________________________________________________________________
________________________________________________________________________________
(*) circoscrivere i fatti, indicando luogo, servizio interessato, circostanze

Nome e cognome della persona interessata (utente) ______________________________________

Relazione con il segnalante _________________________________________________________

Data ___________________________ Firma __________________________________________

Allegato 5 - Standard di qualità per l'anno 2011


I servizi vengono erogati secondo standard di qualità definiti da Ipab di Vicenza (punto 12 della Carta dei Servizi).
Qui di seguito sono elencati gli standard, che l’ente si impegna a rispettare, dichiarando una non conformità allo standard non superiore al 5%.


AMBITO        Assistenza alla persona – servizi residenziali per non autosufficienti.
ATTIVITA’        Igiene Personale.
DEFINIZIONE    L’igiene personale viene eseguita in modo accurato al mattino e ogni qualvolta se ne ravveda la necessità nel corso della giornata e della notte. Si ritiene importante garantire un “bagno assistito completo” in media almeno ogni 15 giorni, fatti salvi motivi di forza maggiore (sanitari, rifiuto categorico dell’ospite, etc.).
INDICATORE    “Bagno assistito completo” effettuato mediamente ogni 15 giorni.
RESPONSABILE    Coordinatore di Reparto.

***

AMBITO        Assistenza alla persona – servizi residenziali per non autosufficienti.
ATTIVITA’        Posture dell’ospite.
DEFINIZIONE    Viene garantita la mobilizzazione dell’ospite allettato secondo la prescrizione medica prevista.
INDICATORE    Corrispondenza tra posture effettuate e prescrizione medica.
RESPONSABILE    Coordinatore di Reparto.

***

AMBITO        Valutazione e progettazione assistenziale – tutti gli ospiti.
ATTIVITA’        Piano Assistenziale Individualizzato (P.A.I.).
DEFINIZIONE    Viene garantita una valutazione dell’ospite e la conseguente redazione di un P.A.I. entro 45 giorni dall’ingresso ed almeno una verifica annuale.
INDICATORE    Presenza di P.A.I. di data non superiore a 45 giorni dall’ingresso per i nuovi ospiti, presenza di almeno un P.A.I. aggiornato nell’anno per tutti gli altri ospiti (eccettuati ospiti temporanei NAIS).
RESPONSABILE    Coordinatore di Reparto.

***

AMBITO    Pulizie ambientali.
ATTIVITA’    Pulizia delle camere e degli ambienti comuni nei reparti per anziani non autosufficienti.
DEFINIZIONE    Viene garantita la pulizia delle camere nei giorni feriali e la pulizia degli ambienti comuni dei reparti tutti i giorni.
INDICATORE    Scheda di verifica del programma pulizie controfirmata.
RESPONSABILE    Coordinatore dei Servizi Generali.

***

AMBITO    Ristorazione.
ATTIVITA’    Menu.
DEFINIZIONE    Viene garantita una variazione del primo e del secondo piatto del giorno con rotazione di 4 settimane. Viene garantita la presenza dei seguenti piatti fissi: pasta o riso in bianco o al pomodoro; minestrina in brodo; stracchino, polpette, formaggio fresco, affettati, purea di patate, patate lesse e insalata.
INDICATORE    Scheda menu del periodo.
RESPONSABILE    Coordinatore del servizio Cucina.

Allegato 4 - Regole di vita comunitaria

Per garantire un sereno andamento della vita comunitaria è necessario fissare delle regole di comportamento ed allo stesso tempo informare l’utenza di alcune prassi organizzative importanti, qui di seguito riportate.


1. GUARDAROBA DELL’OSPITE

Ogni ospite delle residenze “Salvi”, “Trento” e “San Pietro” dovrà essere provvisto del corredo previsto nell’apposito elenco, e contrassegnato dal simbolo specifico (contrassegni consegnati al momento dell’assegnazione del posto).
E’ importante provvedere affinché l’ospite disponga sempre di cambi necessari, con particolare attenzione ai momenti del cambio stagione.
Onde evitare sgradevoli episodi di danneggiamento di capi di vestiario, è bene evitare di portare indumenti delicati, in lana o misto lana.

2. CUSTODIA DI VALORI O COSE - OGGETTI DI VALORE

È vivamente sconsigliato lasciare all’ospite oggetti di valore: l’ente declina ogni responsabilità per lo smarrimento di effetti personali dell’ospite.
Le protesi rimangono sempre nella disponibilità dell’ospite e non possono essere consegnate all’Istituto per la custodia.
Non è consentito al personale prendere in consegna denaro e valori dell’ospite.
Oggetti e valori non ritirati dall’ospite o dagli aventi causa entro sei mesi dalla cessazione del rapporto (oggetti) ovvero entro tre anni (valori), divengono di proprietà dell’Istituto.

3. ORARI DELLA GIORNATA PER OSPITI RESIDENTI

Gli orari sono i seguenti:

alzata alle ore 7.00 circa
colazione alle ore 8.00 circa
idratazione mattutina alle ore 10.30 circa
pranzo alle ore 11.45 circa
merenda alle ore 15.30 circa
cena alle ore 17.45 circa

4. ORARI DELLA GIORNATA PER OSPITI DEL CENTRO DIURNO

Gli orari sono i seguenti:

colazione alle ore 8.00 circa
idratazione mattutina alle ore 10.30 circa
pranzo alle ore 11.45 circa
merenda alle ore 15.30 circa

5. ORARI DI VISITA

Residenze “Salvi”, “Trento” e “San Pietro”: per ospiti non autosufficienti.
L’accesso è consentito sia al mattino che al pomeriggio, con possibilità di fermarsi anche per un tempo prolungato, comunque non oltre le ore 20.00 (orario invernale) e le ore 21.00 (orario estivo).
Si richiede, per motivi organizzativi e nel rispetto delle esigenze degli ospiti, di evitare le visite nei seguenti orari (nel caso di esigenze particolari fare riferimento ai Coordinatori):

Mattino               prima delle 9.00;
Pomeriggio        prima delle 15.00.

Queste limitazioni sono necessarie per facilitare l’attività sanitaria e quella assistenziale, particolarmente complesse per gli ospiti non autosufficienti. Chi lo desidera può chiedere al personale di accompagnare fuori dal reparto il proprio congiunto.

6. INFORMAZIONI – PERSONALE DI RIFERIMENTO

Il familiare che sottoscrive il contratto di ospitalità sarà considerato punto di riferimento per tutte le comunicazioni, in modo particolare per quelle relative alla salute dell’ospite, e si farà carico di trasmettere le informazioni agli altri congiunti.
Durante la degenza i familiari potranno rivolgersi:

  • al Medico di Reparto, durante gli orari di presenza, per le informazioni di tipo medico – sanitario;
  • al Coordinatore di Reparto, durante gli orari di presenza o previo appuntamento, per chiarimenti, segnalazioni o problemi relativi all’organizzazione del reparto o all’assistenza fornita all’ospite;
  • alla Coordinatrice del Centro Servizi, durante gli orari di presenza o previo appuntamento, per chiarimenti e segnalazioni rispetto all’organizzazione complessiva della Residenza;
  • all’Assistente Sociale, durante gli orari di ricevimento o previo appuntamento, per problematiche relative all’inserimento, alla degenza,  alle eventuali dimissioni dell’ospite.

Principale punto di riferimento nel nucleo, in assenza del medico e del coordinatore, è il personale infermieristico, il quale potrà fornire informazioni generali sull’ospite e prendere nota di particolari richieste riferendo quanto prima a chi di competenza.
Il personale del servizio di riabilitazione, (fisioterapisti, logopediste), è disponibile a dare tutte le informazioni necessarie sull’andamento dell’eventuale  trattamento di cui è destinatario l’ospite.
Copia della documentazione sanitaria personale dell’ospite può essere richiesta dal medesimo o da chi ne è delegato mediante richiesta scritta da depositare presso la Segreteria, nei limiti previsti dalla normativa sulla riservatezza dei dati (Codice della Privacy), dietro rimborso delle spese di riproduzione.

7. RAPPORTI CON IL PERSONALE

Il personale dell’Istituto opera secondo precisi programmi e protocolli, al fine di garantire un servizio per quanto possibile omogeneo e adeguato alle necessità degli ospiti.
Il personale è informato sulla necessità di rispondere direttamente, se autorizzato, o di riferire con sollecitudine riguardo ad eventuali richieste particolari di ospiti e familiari. E’ bene esporre particolari necessità principalmente al medico, al coordinatore di reparto, alla coordinatrice del centro servizi o all’assistente sociale.
Per motivi di igiene, parte del personale opera in divisa.
Il riconoscimento del personale è possibile dal nome e dalla qualifica indicate sulla etichetta applicata alla divisa.

8. RECLAMI ED OSSERVAZIONI

La segnalazione di inadempienze nell’erogazione dei servizi è sollecitata dall’Istituto.
Si prega di evitare, nei limiti del possibile, le contestazioni dirette ai dipendenti, rivolgendosi quanto prima al Coordinatore o alla Direzione dei Servizi per segnalare episodi ritenuti non adeguati.
E’ importante che la segnalazione sia la più circostanziata possibile, onde permettere un intervento tempestivo ed efficace su situazioni altrimenti non conosciute.
In tali casi il personale preposto ha sempre l’obbligo di dare una risposta dopo aver verificato l’accaduto.
L’Istituto ha predisposto particolari modalità per effettuare segnalazioni, descritte nel paragrafo 12 “Meccanismi di tutela e verifica” della Carta dei Servizi, a cui si rinvia.

9. I PASTI

Presso ogni reparto è esposto un cartello con indicazioni dettagliate, compreso il menu del giorno.
I pasti vengono cotti e confezionati nella cucina centrale dell’Ente con il metodo tradizionale, a “legame caldo”. Data la tipologia di ospiti presente, prevalentemente anziana, le pietanze vengono proposte ben cotte e senza eccessiva salatura o condimento.
Vengono predisposte diete particolari su prescrizione medica. Il personale di assistenza è a conoscenza degli ospiti per i quali è prescritta dieta e non può effettuare deroghe o trattamenti di favore.
Per esigenze particolari ci si può rivolgere al Coordinatore di Reparto. Per chiarimenti sulle prescrizioni mediche di diete ci si può rivolgere al Medico.
La composizione dei pasti principali prevede la presenza del “piatto del giorno” (primo, secondo e contorno) oltre ad alternative fisse sempre presenti. I piatti sono riproposti nelle varianti “tritati”, “frullati” e “omogeneizzati” in base alle esigenze dell’ospite.
Il Menu viene sottoposto periodicamente all’approvazione del Servizio Igiene Alimenti e Nutrizione (SIAN) dell’Ulss n. 6.
La presenza di familiari ai pasti per aiutare l’ospite è gradita: se qualcuno ha  piacere di aiutare il proprio congiunto deve prendere preliminari accordi con il Coordinatore.
Le norme igienico - comportamentali previste per ambienti comunitari sono molto severe. I familiari in merito potranno chiedere tutte le informazioni utili al Coordinatore o, in sua assenza, all’infermiere presente in servizio.

10. RISPETTO DELLA PRIVACY

E’ richiesto a tutti un comportamento corretto e rispettoso della privacy degli ospiti e del lavoro degli operatori. In tal senso è opportuno evitare di entrare nelle camere da letto quando è in atto un intervento sanitario, assistenziale o riabilitativo e durante le operazioni di pulizia.

11. PREVENZIONE DEGLI INCIDENTI

Visti i valori aziendali di riferimento, un eventuale ricorso alla contenzione è deciso dal medico e discusso durante la stesura del Piano Individuale di Assistenza (P.A.I.) con le altre figure professionali coinvolte.
L’adozione di misure di contenzione è comunicata all’ospite e al familiare di riferimento, pur rimanendo nella sfera decisionale del medico di reparto.

12. ALCOLICI, FARMACI E DOLCIUMI

È fatto divieto di portare agli ospiti bevande alcoliche e farmaci. I farmaci sono somministrati solamente dal personale dell’ente su prescrizione medica.
Prima di consegnare agli ospiti dolciumi è opportuno avvisare il personale sanitario (infermiere in turno), per il controllo di eventuali limitazioni dietetiche.
Il protocollo di autocontrollo igienico con il metodo HACCP prescrive quali alimenti i familiari possono acquistare e somministrare in proprio ai propri congiunti (elenco tassativo): bibite confezionate, cioccolata confezionata, frutta fresca, frutta sciroppata confezionata, gelati confezionati, prodotti da forno salati e dolci solo se confezionati, yogurt e dessert al cucchiaio solo se confezionati.

13. FUMO

È vietato fumare nei locali chiusi.

14. ASSISTENZA PRIVATA AGLI OSPITI

Sono autorizzati eventuali interventi assistenziali sussidiari secondari, rivolti ai singoli ospiti, in forma diretta (privata), da parte di familiari oppure in forma indiretta, da parte di persone incaricate dai familiari committenti, a patto che tali interventi non interferiscano in alcun modo con l’andamento e l’organizzazione dei reparti e delle Strutture e che avvengano con modalità concordate e compatibili con le disposizioni dei medici e dei coordinatori dei reparti.
La presenza dell’assistente privato è così regolamentata:
L’Istituto non si assume alcuna responsabilità per l’opera svolta dagli assistenti privati e con essi non sussiste alcun rapporto di subordinazione;
L’Istituto potrà disporre l’allontanamento dell’assistente privato che non rispetti le regole di vita comunitaria;
L’assistente dovrà essere presentato al personale di nucleo dall’ospite o dal suo familiare di riferimento;
L’assistente privato deve comunicare al responsabile del nucleo ogni utile  informazione riguardante l’ospite di cui viene a conoscenza;
L’équipe di cura deve essere informata con precisione del tipo di servizio e del numero di ore che l’ospite e il suo familiare di riferimento hanno richiesto di prestare all’assistente privato.

15. PUNTI DI RISTORO

Sono presenti macchine distributrici di bevande calde e fredde e snacks nei seguenti punti:

  • Residenza “Girolamo Salvi”: nell’atrio dell’Edificio San Camillo e a fianco delle scale nella zona Chiostri (accesso al bar), nell’atrio del Reparto Tulipani;
  • Residenza “O. Trento”: presso la ex sala bar al piano seminterrato, nel locale vicino all’ingresso al Salone al piano terra, presso il Reparto 7;
  • Pensionato “San Pietro”: nel corridoio principale al piano rialzato.

Presso la Residenza “Girolamo Salvi” è anche aperto un bar interno con i seguenti orari: tutti i giorni dal lunedì al sabato dalle ore 6.30 alle ore 18.30.

16. USCITA DEGLI OSPITI

Per le Residenze “Salvi”, “Trento” e “San Pietro” l’uscita dell’ospite dal nucleo deve essere segnalata al Coordinatore o, in sua assenza, all’infermiere professionale, che può esprimersi in merito all’opportunità o meno della stessa.
Eventuali rientri a domicilio nei fine settimana o festività devono essere concordati con il medico, compilando apposito modulo.
Gli ospiti non autosufficienti possono uscire previo avviso al personale presente che ne prende nota.
L’Istituto dispone del servizio di portineria, ma non garantisce la sorveglianza a vista degli ospiti né all’interno delle residenze né nei loro accessi dentro e fuori le medesime.

17. POSTA DEGLI OSPITI

La posta degli ospiti viene smistata dagli uffici amministrativi nei reparti di degenza, e tenuta a disposizione dei familiari nei rispettivi ambulatori di reparto.
E’ cura dei familiari pertanto informarsi presso il reparto se c’è posta giacente e provvedere al ritiro, con particolare attenzione qualora si sia in attesa di pratiche o documenti particolarmente importanti.
E’ vivamente suggerito, per rapporti di carattere patrimoniale (banche, INPS, etc.) richiedere l’invio della posta presso l’abitazione del familiare.

18. TELEFONATE

All’interno delle residenze sono a disposizione i seguenti telefoni pubblici:

  • Residenza “Salvi”: piano terra dell’Edificio San Camillo;
  • Residenza “Trento”: piano terra corridoio a sinistra dell’accesso interno.

Agli ospiti è consentito effettuare telefonate di breve durata utilizzando gli apparecchi dell’Ente dislocati nei nuclei, richiedendo assistenza al personale presente.

19.USO DEL TELEVISORE

Per gli ospiti è possibile utilizzare il televisore privato previa verifica con il Coordinatore di Reparto. E’ possibile posizionare n. 1 televisore per camera. Il posizionamento all’interno della camera viene definito dal Coordinatore e rimane a carico dell’utente. L’Ente declina ogni responsabilità per eventuali danneggiamenti.

20.DECESSO DI UN OSPITE

In caso di decesso di un ospite vengono garantite le seguenti prestazioni:
assistenza medica per espletare le certificazioni previste dalla legge;
assistenza alla salma, con pulizia e vestizione (1);
trasporto della salma alla cella mortuaria con posizionamento su apposito piano.
La cella mortuaria è generalmente chiusa, per l’accesso si deve richiedere la chiave in Reparto o presso la Portineria, restituendola al termine della visita.
L’agenzia di onoranze funebri viene scelta e contattata direttamente dai familiari.
(1)la vestizione viene effettuata mentre la salma è conservata in reparto (circa fino a due ore dopo il decesso). Sarà cura dei familiari fornire nel frattempo gli abiti che ritengono più graditi. Trascorso tale periodo la salma verrà traslata nella cella mortuaria e per la vestizione si provvederà con gli abiti disponibili.

Seguici su